Ginevra intitolerà più strade alle donne, da me tradotto e rielaborato

E’ stato un tema appropriato per l’8 marzo: il parlamento di Ginevra ha votato a favore dell’intitolazione di più strade alle donne nel cantone.

La legge, proposta dal partito da Delphine Klopfensteain del partito dei Verdi, proponeva un’aumentata “femminilizzazione” dei nomi delle strade, riporta La Tribune de Geneve.

Secondo il testo della legge soltanto 31 delle 700 strade che hanno il nome di una persona famosa sono intitolate a donne che corrisponde all’1% del totale delle 3.263 strade del cantone.

Chi si sceglierebbe da onorare?

Per aiutare il cantone The Local ha messo insieme alcuni suggerimenti:

Isabelle Eberhardt

Nata a Ginevra nel 1877 Isabelle è stata un’esploratrice pioniera con il fascino del nord Africa su cui scrisse una serie di brani acclamati pubblicati dopo la sua morte precoce. Una pensatrice radicale che scrisse sull’omosessualità e sull’anticolonialismo, si vestì da uomo durante il periodo trascorso in Algeria per avere maggiore libertà.

Irène Jacobs

Un’attrice svizzero-francese che è cresciuta a Ginevra e ha studiato al conservatorio di musica della città, ha ricevuto riconoscimenti per alcuni film tra cui “The Double Life of Veronique” per il quale è stata nominata miglior attrice al festival di Cannes e per il suo ruolo in “Three Colours: Red” ha avuto la BAFTA nomination. Recentemente ha interpretato il dramma “The Affair” negli USA.

Flore Revalles

Nata a Rolles nel 1889, cantante e danzatrice Flora ha iniziato all’opera house di Ginevra prima di diventare una star internazionale a Hollywood e Broadway.

Kate Burton

Figlia di Richard e Sybil Burton Kate, nata a Ginevra, è un’attrice proposta per l’Emmy e il Tony Award che ha fatto carriera sui palcoscenici e alla tv americani apparendo nelle serie The West Wing, Law & Order, Grey’s Anatomy e Scandal.

Mary Shelley

Sebbene non svizzera l’autrice britannica trascorse un’estate vicino a Ginevra nel 1816 durante la quale ebbe l’ispirazione per scrivere “Frankenstein”, parte del quale è ambientato nella città e nelle aree circostanti incluso il monte Salève.

Mary Katharine Gaillard

La fisica americana ha lavorato al CERN alla fine degli anni ’70 ed è stata la prima persona ad affrontare la tematica del “gender imbalance” nel famoso laboratorio di Ginevra. La sua relazione pubblicata sull’argomento ha dato vita a un gruppo per studiare la situazione delle donne al CERN e il successivo nascere di un programma di pari opportunità nel laboratorio.

https://www.thelocal.ch/20170309/geneva-agrees-to-name-more-streets-after-women

 

Annunci