‘O treno, di Adele Libero

 

Ma te ricuorde chella vota, quanno

partiste pe’ gghì ‘a faticà luntano?

‘O treno era pronto e tanno tanno

nun me putive cchiù lassà ‘sta mano.

 

‘A ggente tutt’attuorno se spingeva,

chi c’’a valigia, chi cu ‘nu bambino,

e nuje già zitte, senza ‘na parola,

ma ll’uocchie se parlavano a puntino.

 

E po’ ciento chiammate ogne juorno:

Ma comme staje, ‘comme te staje truvanno?

Comm’è ‘o cielo, ce sta mare attuorno?

E po’, dimme ‘na cosa, staje mangianno?

 

E ‘a casa mia ce ne arrivava ‘e posta,

‘e lettere veneveno a milione,

e je, je m’ ’e vasavo sempe apposta

pecchè ‘e te vulevo l’emozzione !

 

Ammore mio, po’ doppo quacche anno

‘a distanza infine fuje culmata

e ottobre ce verette festeggianno

a gioja nosta ‘d’essere spusate !

 

 

Annunci