Il cammino delle maschere, di Ivanoe Meloni, recensione di Daniela Domenici

 

Mi è stato fatto dono di quest’opera che ho letto in pochi giorni (sono ben 238 pagine) e che ha incontrato il mio gusto per vari motivi.

Il primo è che si tratta di un romanzo storico che si svolge durante la seconda guerra mondiale: amo da sempre questo genere e nei miei studi ho approfondito, in modo particolare, il suddetto periodo.

Il secondo motivo è che si svolge in Sardegna, terra natale di Meloni, la cui storia e i cui luoghi, usi e costumi l’autore dimostra di conoscere nei più minuziosi dettagli; ne risulta uno splendido inno d’amore per quest’isola continente che, seppur tardi, ha ammaliato anche me e che spero di tornare presto a visitare.

Un’altra ragione di apprezzamento è lo stile narrativo che nonostante l’argomento non sia dei più facili perché Meloni intreccia alla storia principale (un giallo incentrato su alcuni manoscritti), tematiche di vario genere (templari, elezioni di papi e tanto altro) è scorrevole e attraente.

Molto ben delineati i protagonisti principali, Valerio, Wilfred e Lucio, che vengono seguiti lungo un arco di tempo di più di trent’anni; ne risulta un affresco corale che v’invito ad…ammirare inoltrandovi nel cammino delle maschere!

http://www.librisardi.it/autore.php?id_autore=1680

 

Annunci