Il mestiere più antico del mondo, al Teatro di Villa Duchessa di Galliera a Genova Voltri, recensione di Daniela Domenici

 

Non è quello della prostituta, come verrebbe subito da dire, bensì quello dell’ostetrica come afferma Gabriella Pacini, autrice del monologo, nel cartellone del Teatro Cargo, appena andato in scena al Teatro di Villa Duchessa di Galliera a Genova Voltri splendidamente interpretato da Laura Nardi per la regia di Amandio Pinheiro.

Traggo dalla brochure di sala: “è uno spettacolo contro la violenza nel parto e quindi contro la violenza sulla donna tout court, in questo caso istituzionalizzata ed esercitata quando essa è più indifesa e spaventata…l’autrice…ostetrica dall’esperienza più che ventennale ha ascoltato le testimonianze di molte madri e scritto un racconto che restituisce uno spaccato veritiero e crudele degli abusi subiti dalle donne all’interno del sistema sanitario…”. E l’attrice Laura Nardi riesce in modo straordinario a disegnare la figura di questa ostetrica in un monologo breve ma davvero intenso e doloroso in cui molte delle tantissime donne presenti in sala (ma c’era anche qualche uomo…) si saranno sicuramente riconosciute; lo confesso, tra queste io in primis perché, purtroppo, in ognuno dei miei tre parti ho subito una delle tante piccole e grandi violenze che Laura Nardi, con le parole di Gabriella Pacini, ha saputo così ben descrivere. Un solo oggetto sul palcoscenico, una sedia che viene utilizzata dalla protagonista in vari modi per accompagnare i momenti della storia da lei resi con grande bravura attoriale.

A conclusione del monologo l’autrice è salita sul palco insieme all’attrice e ha iniziato a coinvolgere il numeroso pubblico presente con domande attinenti il parto.

http://www.italianotizie.it/2017/10/29/mestiere-piu-antico-del-mondo-al-teatro-villa-duchessa-galliera-genova-voltri/

 

Annunci