‘Na vita, di Adele Libero

‘Mmiezo ‘e culure ‘e chistu campusanto
ce stanno ormai troppe anime amiche:
mammà, papà, pariente ‘e dinte ‘e viche.
Tutte riunite comme pe’ cantà.

E je me ricordo sempe ‘e chelli feste,
e che Natale e quante Capodanno,
steveme tutte aunite, chi sparanno
‘ncoppa ‘o balcone tracche in quantità.

Ma l’anno scorzo je so stato sulo,
m’aggio mangiato ‘a pasta e ‘o capitone,
ma dinto je tenevo ‘nu magone
e nun verevo ll’ora ‘e venì ccà.

Allora, ‘mmiezo a sciure e cannelotte,
voglio turnà a essere juaglione,
e mentre penzo a tanti cose bbone
scenne ‘sta notte e stongo a ve sunnà.

Annunci