Dimora di liquide fantasie, di Tiziana Mignosa

 

 

Come il segnale di corno che in cielo sale

e poi si perde lungo il vento

cosi l’impetuoso scorrere dell’acqua

dietro la tenda della quiete

nel pieno s’assopisce e attende

 

E i rumori tacciono

al silenzio

mentre si apre in quel respiro

il varco che al diletto

gentile m’accompagna

 

Acqua nell’acqua

e desiderio sciolto

nel desiderio

 

E specchi

baciati da vapori aulenti

a me stessa mi nascondono

mentre con le dita

arabeschi a fantasie disegno

e nuda indugio

prima di farmi acqua

dentro l’acqua

 

Sui marmorei lembi

tremolanti fiamme

suadenti canti

alle pareti soffiano

mentre il tempo

scandisce un intervallo

gocciolante di piacere

 

Tiziana Mignosa

marzo duemilatredici

Annunci