La Sirenetta, al Teatro della Tosse di Genova, recensione di Daniela Domenici

Ieri sera si è conclusa la terza edizione del Life Festival, rassegna di cultura del mondo LGBTQI, al Teatro della Tosse, con “La Sirenetta”, celebre fiaba di Andersen messa in scena dalla compagnia Eco di Fondo, drammaturgia di Giulia Viana che è una delle protagoniste con Giacomo Ferraù che ne è anche il regista insieme ad Arturo Cirillo.

I miei primi complimenti vanno allo staff tecnico che ha contribuito alla magia dello spettacolo: al disegno luci di Giuliano Almerighi, al coordinamento coreografico di Riccardo Olivier e al progetto video di Riccardo Calamandrei.

Non è facile raccontarvi questo spettacolo e allora prendo in prestito le parole della compagnia “La Sirenetta racconta di un’adolescente che per un gesto d’amore rinuncia alla sua stessa essenza (la sua coda) nel disperato tentativo di essere accettata e amata. Lo spettacolo prende il via da alcune lettere di adolescenti che hanno deciso di togliersi la vita perché non si sentivano accettati per la propria sessualità. Ragazzi che hanno rinunciato alla loro voce. La Sirenetta obbliga a riflettere sull’amore, quello più difficile, quello verso sé stessi e il corpo che si abita. La celebre fiaba di Andersen riletta come metafora dell’identità sessuale”: ecco, comincerei proprio dall’amore per se stessi/ e per il corpo che abitiamo, è un percorso di accettazione che, purtroppo, non sempre si riesce a compiere e che può portare a gesti estremi, come ci hanno raccontato Ferraù, Viana e Stelluti dopo lo spettacolo dal palco; è una tematica che mi tange molto da vicino come ex adolescente “brutto anatroccolo” e come attuale docente, mi sono commossa e ritrovata nel testo di Ferraù e Viana a cui vanno i miei complimenti e applausi insieme a Libero Stelluti e Simon Waldvogel : grazie per aver dato vita a uno spettacolo semplicemente magico e dolorosamente vero, con una gestualità molto particolare, con una recitazione che ha alternato le voci dal vivo con quelle registrate, con disegni coloratissimi inseriti nella splendida scenografia e un abbigliamento essenziale ma perfettamente ad hoc.

Spero di potervi applaudire nuovamente per “Pollicino”, lo spettacolo che state preparando e di cui ci avete parlato ieri sera.

E…al prossimo Life Festival!!!

http://www.italianotizie.it/2018/05/21/la-sirenetta-al-teatro-della-tosse-di-genova/

Annunci