Na conchiglia, di Adele Libero

Aggio sentuto ‘a voce ‘e ‘na conchiglia,
ca steva abbandonata n’coppo ‘a rena,
cantava ‘na canzone appassiunata
sapenno ca nun c’era cchiù dimane.

Diceva ‘o mare antico ormai è fernuto,
nun serve ca venite a piglià ‘o sole,
a sabbia è terra e pure tutta nera
perché ‘o petrolio arriva ‘nfino a riva.

A plastica ‘a vuttate tutte ‘e jurne
e po’ piscate ‘e pisce senza freni,
ma spisso dint’’e rete sulo sale
se porta ‘a casa, triste, ‘o piscatore.

Mo’ chist’azzurro vuje vulite ancora,
ma è tarde, ormai, se n’è fujuto ‘o mare
e c’è remmasta n’acqua senza core
e chiagne a nu ricordo e nu suspiro.

Annunci