accadde…oggi: nel 1921 nasce Deborah Kerr

http://trovacinema.repubblica.it/attori-registi/deborah-kerr/169279/

Il bacio sulla spiaggia con Burt Lancaster in Da qui all’eternità è stato più volte votato come uno dei più sexy della storia del cinema. La protagonista femminile della scena bollente, è la rossa Deborah Kerr, attrice di tanto cinema americano, sia di commedia sia melodramma, degli anni ’50. Prima di approdare a Hollywood, Kerr viveva in Scozia. All’anagrafe Deborah Jane Kerr-Trimmer, nasce a Helensburgh il 30 settembre 1921.

Nominata per ben 6 volte agli Oscar come migliore attrice senza riuscire mai a vincerlo (record insieme a Thelma Ritter), ha ottenuto il Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale per Il re ed io oltre che vincere la più ambita statuetta, ma come premio alla carriera nel 1994.

Carriera, influenzata dai genitori attori di teatro, iniziata con Contrabbando, film del 1940 dove le scene in cui è presente rimasero tagliate fuori dal montaggio finale. La sua prima vera apparizione cinematografica risale al 1941 in Il maggiore Barbara. Dopo Duello a Berlino del 1943, Intermezzo matrimoniale del 1945 e Narciso Nero del 1947 girò il film Edoardo, mio figlio (1948) di George Cukor, che la lanciò a Hollywood.

Spesso adoperata in ruoli di donna di classe ma poco passionale, in film famosi come Le miniere di re Salomone (1950) con Stewart Granger, Bagliori ad oriente (1951), Quo vadis? (1951) con Peter Ustinov e Giulio Cesare (1953), accanto a Marlon Brando.

Poi Da qui all’eternità (1953), l’ultimo film prima della gravidanza. Tornò sul grande schermo nella pellicola The e simpatia (1956) di Vincente Minnelli, che da regista ripiegò sulla Kerr non potendo ingaggiare Rita Hayworth. Negli anni successivi grandi successi con L’anima e la carne (1957), dove interpretò una suora assediata dal Robert Mitchum, Un amore splendido (1957) con Cary Grant, dove nacque un flirt tra i due. Accanto a Yul Brynner girò Il viaggio (1959) di Anatole Litvak, e Adorabile infedele (1959) con Gregory Peck.

Superati i 35 anni, era ancora un fenomeno da botteghino, e tornò a lavorare con Robert Mitchum e Cary Grant in L’erba del vicino è sempre più verde (1960) di Stanley Donen e nell’ultimo film di Gary Cooper Il dubbio (1961).

Dopo 15 anni di lontananza dai set, tornò sul grande schermo con Il giardino indiano (1985). Deborah Kerr è scomparsa a 84 anni il 16 ottobre del 2007 a Suffolk, in Inghilterra. Da tempo combatteva il morbo di Parkinson.

 

 

Annunci