Happy endinG, al teatro Il Sipario Strappato ad Arenzano, recensione di Daniela Domenici

A conclusione del denso e interessante cartellone 2018/19 del teatro Il Sipario Strappato ad Arenzano è andato in scena ieri sera il monologo “Happy EndinG”, scritto, interpretato e diretto da Emanuela Rolla con l’originale scenografia e l’assistenza alla regia di Luca Maschi.

Rolla ha messo al centro del suo testo una persona trans MtF che aspetta il grande amore ma che, purtroppo, nel frattempo è costretta a prostituirsi a casa sua. In questo monologo Rolla dà voce e vita, con la sua nota classe attoriale, al padre e alla madre della protagonista e immagina di parlare con un fantomatico uomo che spera s’innamori di lei così com’è, che le dia tutto quel calore e quelle attenzioni mai ricevute dalla famiglia e che la faccia smettere, di conseguenza, di fare “quel” lavoro.

Come ha dichiarato a fine spettacolo Rolla in risposta alle domande di Lazzaro Calcagno, direttore artistico del teatro, tutto quello che lei ha portato in scena è vero perché si è ispirata, per scrivere questo suo testo, alla vita di tre persone trans di Genova che hanno condiviso con lei momenti delle loro storie autorizzandola a raccontarle.

 

Annunci