maggio, acrostico della pioggia, in napoletano, di Adele Libero

Ma comme chiove chistu mese ‘e maggio,
ancora stretta dint’’a casa i’ spero
gghiurne e notte ‘e statte chiù vicino,
ghiucanno n’zieme sotto ‘e ggocce amare.
Infine pazze, perze dint’ â ll’ore,
‘o tuzzuliammo ‘o core cu stu sole.

Annunci