ma che caldo! di Adele Libero

Dint’ ‘a chest’afa stamme tutte e dduje,
ce pare ca jurnata è longa assaje,
tu nun mme dice maje “ascimme fore”
pecchè sudato e appiccecuse staje !!

I’ nun cucino cchiù ‘a na semmana,
‘a spesa ‘o supermarket i’ t’ ‘a faccio,
però piglio sultanto ‘nu sughetto
ggià pronto pe’ ce cocere ‘e spaghette.

‘A sera stamme tutte stravaccate
nnanze ‘a tivvu ca parla sultanto essa,
c’addurmimme pensanno sulo ‘e guaje
ca conta, pecchè ‘a gente è proprio fessa !

Ce sta ‘o marito ca vatte ‘a mugliera,
‘o nonno ca se perde nu nepote,
l’Italia ca s’è perza ‘a cunzigliera
e sbatte cu ll’Europa stretta e austera.

Ma signurì, fa cavero, ‘o vedite?
Aspettammo a ffa ‘e legge cchiù annante,
e certo l’accunciammo a situazione,
quann’è Natale, è ggioa pe’ tutte quante !!