la stanza della memoria, di Loredana De Vita

foto dell’autrice

The Room of Memory

C’è una stanza nel mio pensiero, una che credo tutte le persone abbiano, sebbene diversa l’una dall’altra, è la stanza della memoria.

Nessuno può entrare in questa stanza, sebbene molte siano le persone che essa contiene. È una stanza privata, quella in cui si chiude la propria percezione della vita che si è vissuto e delle persone che si è incontrato.

Non è una stanza inaccessibile, sebbene nessuno possa percepire la stessa cosa che percepisci tu e dove tu sei l’unico lettore e custode di quei segreti che, quantunque tu li abbia condivisi con altri, possono essere sostenuti e amati solo dal modo in cui sei tu.

È una stanza in cui i tuoi sentimenti rispondono alle tue richieste e dove ogni cosa diventa più comprensibile solo perché sei tu colui che può spiegare il loro significato e preservare la tua memoria da una inutile nostalgia, perché la tua memoria è viva e non è mai morta.

È una stanza in cui i tuoi giorni continuano a scorrere e a navigare la corrente senza che niente possa essere lasciato indietro, niente di buono e niente di cattivo.

È la stanza in cui la nascita dei tuoi desideri, come anche delle tue paure, ha lasciato la sua impronta per quanto differente possa essere stata la vita che hai vissuto, per quanto più triste o più gioiosa.

La stanza della tua memoria è un luogo dove puoi ritrovare la forza e incontrare il coraggio di non arrenderti per quanto forte sia la richiesta,  per quanto dolorosa sia la tua ricerca. È il luogo in cui cerchi di lottare contro la tua sofferenza e dove hai un’opportunità di riuscire poiché lì puoi incontrare le ragioni delle tue scelte.

Tuttavia, essa è una stanza che ti appartiene e nessun altro può attraversare la soglia del suo paesaggio, tu sei quello che deve decidere come sistemare le tue esperienze ed etichettarle come successi o sconfitte.

Qualche volta la visiti come se tu fossi il fantasma della tua vita, altre ti imbatti nelle tue attese come se queste fossero le fate del mondo magico che ti sei lasciato alle spalle così tanto tempo fa. Eppure, puoi ancora avere l’opportunità di visitarla in punta di piedi e con rispetto e scoprirti come un’ombra la cui via è ancora in tempo per essere pavimentata.

Annunci