#RicomincioDaRai3, seconda puntata del 19 dicembre 2020, recensione di Daniela Domenici

https://danielaedintorni.com/2020/12/26/ricomincio-da-raitre-di-stefano-massini-prima-puntata-del-12-dicembre-2020-recensione-di-daniela-domenici/

Ancora infinite emozioni, la splendida magia del teatro si è ripetuta nella seconda puntata di #RicomincioDaRai3”, lo spettacolo scritto da Stefano Massini e da lui condotto insieme ad Andrea Delogu. Provo a raccontarvelo…

Ha iniziato lo stesso Stefano raccontando, con leggerezza, le 10 migliori scuse per il lockdown accompagnato, al pianoforte, da Paolo Jannacci.

Ed ecco la prima delle grandi emozioni: Luca Zingaretti nel monologo “Mio padre è morto partigiano” un testo di Roberto Lerici portato al successo da Gigi Proietti nel suo spettacolo “A me gli occhi, please” ci ha ammaliato con la sua classe attoriale: bravissimo!

In collegamento dal teatro Gustavo Modena di Genova, un piccolo gioiello di teatro (ci sono stata più di una volta come recensora…), Claudio Bisio insieme al regista Giorgio Gallione sta preparando uno spettacolo dal titolo “Acqua contro latte” tratto da “La mia vita raccontata male” di Francesco Piccolo; ce ne ha regalato un assaggio: deliziosamente bravo!

Straordinariamente brava Serena Autieri nell’interpretazione, sia recitata che cantata di Elvira Donnarumma, una cantante da caffè concerto a Napoli durante la seconda guerra mondiale ritratta in “La sciantosa” di Vincenzo Incenzo, grande passionalità e voce stupenda!

Un altro monologo ci è stato proposto da Ascanio Celestini con “Pinelli” accompagnato alla fisarmonica da Gianluca Casadei.

Un momento di leggerezza con Lillo, Stefano Massini e Paolo Jannacci che hanno parafrasato “Quelli che…” la celebre canzone di Enzo Jannacci del 1975 adattandola al periodo che stiamo vivendo anche perché sia Massini che Lillo hanno avuto il Covid.

Alessandro Gassmann si è collegato da Napoli e ha raccontato un divertente episodio dei suoi esordi come tecnico nella compagnia di suo padre.

Ancora tanta commozione con Valeria Solarino e Giulio Scarpati che hanno splendidamente interpretato i due protagonisti del film “Una giornata particolare” nella trasposizione per teatro.

Il terzo monologo della serata ci è stato proposto da Davide Enia, attore palermitano che ha scritto “L’abisso” dedicato ai tanti naufragi nel mar Mediterraneo e alle persone che provano a salvare qualcuno/a di loro: commovente!

Il palco si è tinto di musica e colori con l’orchestra multietnica di Arezzo, nata nel 2007, con Brunori Sas che ha cantato la sua “L’uomo nero” e Amanda Sandrelli che ha interpretato un brano coinvolgente e commovente: formidabili!

Quarto e ultimo monologo della serata quello di Luigi Lo Cascio, straordinario attore, che ci ha regalato “Nella tana”, uno degli ultimi racconti di Franz Kafka: bravissimo!

Andrea Delogu ha narrato, sempre accompagnata da Paolo Jannacci, la storia di una ragazza, Alice, che da otto mesi aspetta di essere operata ma l’operazione viene sempre rimandata per il virus e lei non sorride più…

Lillo è tornato sul palco ma questa volta insieme a Greg per farci sorridere con “Il provino”, delizioso: bravi!

Ha concluso la serata Chiara Bersani che ha interpretato, danzando a modo suo, “Gentle Unicorn”: che forza che ha questa ragazza!

Tra tre ore ci sarà la terza puntata di questa splendida trasmissione, ringrazio ancora una volta Stefano Massimi per averla immaginata e creata e…VIVA IL TEATRO!!!