cuttigghi e cattigghi, modi di dire della tradizione siciliana raccolti da Caterina Cicardello

dipinto di Terenzio Furnari

l’amica Caterina Cicardello, sapendo quanto io ami la lingua siciliana (sulla quale ho fatto la mia tesi di laurea in lingue nel lontano 1996 a Catania) mi ha mandato questi modi di dire alcuni dei quali conoscevo già (la mia vita sicula è durata dal 1981 al 2011), altri li ho apprezzati per la prima volta…

  • caliti juncu ca passa la china ….(abbassati giunco che passa la piena… del fiume)..

Molto appropriato in questo periodo di pandemia del 2020: davanti all’ineluttabile realtà puoi solo aspettare che passi la furia.

  • Capiddi e denti non valunu nenti; capiddi longhi e sintimentu curtu

(capelli e denti non valgono niente; capelli lunghi e cervello corto)

  • Carni fa carni, pani fa panza,’u vinu t’abballa

(la carne porta carne, il pane porta la pancia, il vino ti fa ballare)

  • Casa senza suli ci trovi lu dutturi

(casa dove non entra il sole vi entra il medico)

  • cu amici e ‘cu vicini nun accattari e nun vinniri nenti

(con amici e con vicini non comprare e non vendere niente)

  • ccu ‘na itata di meli si pigghiunu centu muschi, ‘ccu ‘na itata di feli mancu una

(Con una ditata di miele si prendono cento mosche , con una ditata di fiele neanche una)

(con la dolcezza si ottiene molto)

  • Chista è a casa di Gesù, chiddu ‘ca trasi non nesci cchiù

(questa è la casa di Gesù quel che entra non esce più)

  • Dissi ‘u surgi a nuci: dammi tempo ‘ca ti perciu

(disse il topo alla noce,: dammi il tempo che saprò bucarti)

  • cu avi fami nun cerca cumpanaggiu e ‘ccu avi sonnu nun cerca capizzzu

(chi ha fame non ha bisogno del companatico e chi ha sonno non ha bisogno del cuscino)

  • ccu avi lingua passa macari li mari

(chi sa parlare può attraversare anche i mari)

  • cu avi ‘u balataru guastu, ‘u stissu meli ci pari amaru

(chi ha il palato guasto, anche il miele diventa amaro) (Chi pensa al male, non capirà mai il bene)

  • cu mangia mangia, abbasta ‘ca c’è ‘a paci

(lascia che tutto scorra, l’importante che ci sia la pace)

  • ‘cu nesci arrinesci; si non ti vuoi pungiri, non tuccari i ficurinia

(chi guarda oltre la soglia della sua casa si arricchisce; se non vuoi pungerti non toccare le spine del ficodindia )

  • cu pratica lu zoppu all’annu zuppìa

(chi freguenta lo zoppo…inteso come vizio.. imparerà a zoppicare.)

  • cu si marita pinìa in gioventù, ‘cu non si marita pinìa ‘nta vicchiania

( chi si sposa soffre le pene d’amore della gioventù, chi non si sposa non soffre quelle pene ma soffrirà la solitudine in vecchiaia)

  • cu ti voli beni ‘ncasa ti veni

(chi ti vuol bene ti viene a cercare)