‘a Muntagna, composizione in lingua siciliana dedicata all’Etna di Caterina Cicardello

quadro di Terenzio Furnari

pubblico questa composizione di Caterina Cicardello senza traduzione per fare apprezzare la musicalità della lingua siciliana…

” ma cchi sunnu bummi?..”

“.ma quannu mai!.. chista è ‘Idda’,  “
“si, idda, ‘a Muntagna!…Boom, boom, boom…”
Havi  un misi ‘ca nni fà travagghiari…a Catania e provincia ..e ahu, macari  a Missina arrivau!…non facemu autru ‘ca scupari  ‘a cinniri ddà Muntagna…. ..quannu pari ‘cà finiu..accumincia n’autra vota!..
E  non c’ha finiu  cchiù !  … bummulìa .e sputa …(rimbomba e spruzza)
‘U bellu è, ca i sòi  sputi  nni cascunu  tutti supra  i tetti, supra i stradi, supra i terre cultivati, supra a testa…..
‘Ccà a   Catania e ‘nta  pruvincia, l’umbrellu non nni servi  ppà pioggia, …nooo , ‘ccà  nuatri  lu usamu ppà cinniri ‘ca Idda  n’ arrijala .(.ci regala)
“Comu?  vi  rijala?…ma cchi dici? …l’Etna v’ avissi a fari scantari e inveci  vi fà i rigali?
“Certu!  ma tu ‘u sai quanti opiri d’arti, castelli, palazzi, le stesse strade sunnu lastricati con la sua roccia..e quanti mastri artigiani ne ricavano sostentamento e quanti ne hanno fatto vera  industria della pietra dell’Etna? E vuoi mettere   le  nostre viti  dalle uve pregiate, i nostri vini,  i nostri agrumi, le nostre coltivazioni  che sono concimate con la sua terra?…Si quella che  ‘lei’  sputa..                      .ma lo sai quanti sacchetti di terra dda muntagna ci sunnu ‘nte pianti di lu  me jardinu?   E tuttu chistu  idda lu fa ppi nuatri!..
Nuatri la rispettamu e idda n’ arrispetta!
Intantu, ‘ppì nuatri  idda si chiama Muntagna, ma non ‘ppi mancarici di rispetto, ma picchì.. l’Etna… è di tuttu ‘u munnu, inveci a Muntagna è sulu a nostra e sulu a nuatri nni fa i rijali e nni pruteggi!…nuatri non nni scantamu ddà  sò lava, ddè sò scossi…picchì tu  ha sapiri , ‘ca nuatri ni scantamu quannu nun l’ha sintemu bummuliari  e talìannila non la videmu vistuta ‘ccù la sò gonna  a strisce rosse brillanti…..  perchè quello è il fuoco da cui noi  Catanesi e i siciliani  traiamo linfa vitale….