volare alto, di Loredana De Vita

Fly High – Writing Is Testifying

Smarrire la serietà e la severità prima di tutto verso se stessi è un attacco impietoso alla dignità e all’onestà.
Nulla si costruisce nel profondo, cioè dalle fondamenta, se non con coerenza e perseveranza, anche gli imprevisti non possono essere affrontati e risolti con l’improvvisazione del momento, ma solo con metodo e costanza.
La sostanza e l’essenza di un essere umano non è la sua visibilità, ma la sua onorabilità che si costruisce sulla rispettabilità, il decoro, la stima, la correttezza, la compostezza, l’onestà, la decenza, la fierezza, la capacità di discernimento e di rispetto, l’ascolto e tutte quelle qualità che rendono “giusta” ogni persona nella sua dimensione di verità e di dialogo.
Non occorrono sproloqui ma dialoghi, non esibizioni ma azioni, non conquiste ma libertà.
Occorre volare alto, non accontentarsi del banale o dello standard, ma occorre farlo con giustizia e onore insieme alla passione.
Volare alto significa saper guardare oltre se stessi e i propri egoismi e non guardare dall’alto in basso chi ci circonda. Volare alto significa avere la consapevolezza di sé e del volo e di quella direzione che possa consentire di costruire la meta del nostro viaggio. Volare alto significa entrare dentro se stessi e qui includere e accogliere anche il volo degli altri.
La nostra unicità, infatti, non è data dall’essere i soli, ma dal saper condividere ricerca e scoperte.