l’arte di essere paziente, di Loredana De Vita

https://writingistestifying.com/2021/08/09/the-art-of-being-patient/

La nobile espressione della pazienza è un’arte che tutti possono osservare, ma non a tutti è dato conquistare.
Anzi, molti la considerano una perdita di tempo, uno spreco di energie e, per questo, si fossilizzano nella frenesia senza direzione del proprio vivere senza accorgersi di non avere una meta per cui lavorare, ma nell’illusione di essere attivi e di stare lavorando per qualcosa. È un’illusione, però, in realtà restano immobili e chiusi su sé stessi, fossilizzati, appunto.
Eppure, ci vuole pazienza per ogni cosa perché ogni cosa ha il suo tempo. Anche quando crediamo di accelerare o rallentare, stiamo in realtà dando al tempo il tempo di fare il suo tempo.
La pazienza è attiva. Essa, infatti, non solo costruisce vie per realizzare gli obiettivi prefissati, ma lascia spazio al confronto e all’accoglienza di ciò che è diverso da sé e che, in ogni caso, accresce il progetto della propria vita e lo rende più valido e significativo.
La pazienza non è resa ma resistenza.
È consapevolezza dei limiti e del lavoro che si può fare per migliorare sé stessi affinché gli obiettivi prefissati non siano proclami urlati nel vento rumoroso di una tempesta in cui nessuno può essere in grado di ascoltare la propria voce, ma solo il ruggito del vento.
La pazienza è impegno, lavoro su sé stessi e sulla propria esistenza, ammissione degli errori, coraggio di alzarsi dalle cadute e ricominciare a percorrere la propria rotta.
Ci vuole pazienza per vivere e per imparare a volersi bene e volere il bene.