Puoi baciare lo sposo, film 2018, regia di Alessandro Genovesi, recensione di Daniela Domenici

Un altro film trovato casualmente su Amazon Prime, non recentissimo, molto divertente, leggero ma che, allo stesso tempo, dà spunti di riflessione; ispirato alla commedia musicale “My big gay italian wedding” di Anthony J. Wilkinson e perfettamente diretto da Alessandro Genovesi che è anche autore del soggetto e della sceneggiatura insieme a Giovanni Bognetti.

La location scelta per la preparazione del matrimonio tra Antonio e Paolo, che già vivono insieme a Berlino, è la frazione di Civita, uno dei borghi più belli d’Italia, nel comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo.

Vorrei tributare i miei più calorosi complimenti a tutto il cast, in primis a una formidabile Monica Guerritore nel ruolo della madre di Antonio, uno degli sposi, interpretato da Cristiano Caccamo, e poi a Diego Abatantuono in quello del padre un po’ omofobo che è anche il sindaco del paese; bravo Salvatore Esposito nel ruolo dell’altro sposo Paolo, deliziosa Diana Del Bufalo che è l’amica musicista Benedetta, Dino Abbrescia è Donato, l’amico un po’ crossdresser e Antonio Catania che interpreta un padre Francesco alquanto alternativo: complimenti a tutti/e!!!