“traslocare” da “La signorina Greta e altre storie” di Silvana Sonno

dato che nei prossimi giorni traslocheremo in una nuova casa ho pensato di proporre questo brano della scrittrice Silvana Sonno

“…traslocare non significa solo passare degli oggetti da un luogo a un altro – il verbo nella sua forma transitiva – e neanche cambiare residenza – all’intransitivo – ma, nella sua profonda radice etimologica, attraversare (trans) un luogo, transitare in esso, per uscirne – o rientrarne. Non c’è abbandono in un trasloco, c’è rimessa in moto di ciò che si era fermato, non c’è perdita. Sì, deve essere così, se i numeri di una vecchia tombola hanno il potere di aprire un transito dentro le catene del tempo…un transito come in fondo è la vita in cui trasciniamo avanti e indietro – spostando, ordinando, accettando, scartando, riassemblando, assimilando – le parti di noi a cui sappiamo dare un nome o evocare un sogno. Dove spesso sono proprio le cose minime – le carabattole dell’esistenza – a cui ci scopriamo avvinghiate/i, finché la musica non muta e il cambio di passo diventa necessario. Un movimento inevitabile: spostarsi, fare spazio, farsi avanti o indietro, un po’ più in là, verso l’alto o verso il basso, fino al transito ultimo. Il Trasloco Perfetto…” pag. 76