libero mare, di Adele Libero

Libero all’alba respira il mio mare,
senza case che puoi fare crollare.
Non ci son scuole o centri commerciali
che celino proiettili mortali.

E non c’è l’erba verde e profumata
che il soldato venuto dagli Urali
possa piegar col piede suo invasore.
Libero è il mar, non lo puoi possedere.