Ricordando Auschwitz , straordinario acrostico di Adele Libero

  All’arrivo si crollava sui binari, Ridotti come bambole stracciate, Bersagliati  da mille militari, Estraniati dall’anime strappate. … Il lavoro ci stremava le reni, Tremavamo, come cavalli stanchi, Muovendoci gelati tra quei treni.… Continua a leggere

Vota: