Archivio tag: terremoto

13 dicembre 1990: il terremoto dei silenzi, di don Palmiro Prisutto

http://www.lasvolta.net/tds/index1.htm https://danielaedintorni.com/2018/12/13/13-dicembre-1990-il-terremoto-ad-augusta-sr-di-daniela-domenici/ L’ho vissuto sulla mia pelle perfettamente, ero incinta del mio terzo figlio che stava per nascere quella notte, gli altri due bambini erano ancora piccoli e hanno avuto tanta paura ma… Continua a leggere

Vota:

110 anni fa il terremoto a Messina, in rima ABBA, di Daniela Domenici

Oggi all’alba di centodieci anni fa Messina fu svegliata, sconvolta e devastata da un terremoto di inaudita vastità; a distanza di 110 anni molte persone una casa vera ancora non hanno e nelle… Continua a leggere

Vota:

un abbraccio sincero, in rima baciata, di Monica Castiglione

Anche se è festa non posso non scordare e il mio pensiero va ad abbracciare chi in Sicilia non ha dormito al freddo, per strada, e impaurita/o perché la Terra si è risvegliata… Continua a leggere

Vota:

haiku del terremoto (stanotte in Sicilia), di Daniela Domenici

la terra trema onde la percorrono ascoltiamole

Vota:

13 dicembre 1990, il teRRemoto ad Augusta (SR), di Daniela Domenici

scoSSe di teRRemoto aRRivano improVVise neLLa noTTe, aTTeRRiscono, distruGGono e al maTTino il nuLLa aTTonito… https://danielaedintorni.com/2016/12/13/13-dicembre-1990-il-terremoto-dei-silenzi-di-don-palmiro-prisutto/?fbclid=IwAR2_c2S-fuQm-kN6g7Bht-ROYCAslH9pF7oFans0PqzEL_IFyTCiyX-qXA0

Vota:

non odo, ascolto, di Loredana De Vita

foto tratta da Repubblica di Napoli Rumori… Non odo, ascolto i rumori che serrano il mio cuore. Il rumore del vento che soffia sul mare e delle onde che si infrangono sugli scogli.…… Continua a leggere

Vota:

Terremoto, di Adele Libero

E dormono laggiù le pietre chiare, là dove un tempo stavano felici. Il transito del cuore non le sveglia, neppure l’alba, amica dei poeti.

Vota:

La terra trema, in versi pentasillabici, di Daniela Domenici

Oggi ovunque la terra trema, si sta svegliando ribellandosi, paura diffusa a macchia d’olio, la precarietà è diventata modus vivendi

Vota:

“24 agosto 2016” di Adele Libero

    Fredda è la sera e suona la campana nell’alta torre che sta per crollare, le case si risvegliano improvvise, al più cupo rimbombo da ascoltare.   Poi c’è l’inferno che possiede… Continua a leggere

Vota: