“Matrimonio per caso” al teatro Lo Scantinato di Firenze

Cosa accade ad un uomo se ha accanto una donna che lo vede com’è veramente?! E cosa accade ad una donna se ha la possibilità di realizzare con lui i propri sogni? Possono delle bugie risolvere perfino dei dubbi e delle paure?

A queste domande prova a dare una risposta  “Matrimonio per caso”, una commedia scritta a due mani da Marcella Soldani Benzi e Andrea Bruni, coppia nella vita e sul lavoro, per la regia dello stesso Bruni che ha debuttato ieri sera al teatro Lo Scantinato di Firenze e che verrà replicato in varie date.

Un cast numeroso per “una commedia dal ritmo frenetico e dai colpi di scena continui; una tessitura farsesca che cede anche al sentimento ed alla casualità delle cose giuste” come dice Andrea Bruni nelle sue note di regia, a cui va il nostro applauso che vuole essere un abbraccio e un bravo per tutti ma, naturalmente, alcuni di loro ne meritano uno in più.

Prima di tutti la bravissima e travolgente Eleonora Cappelletti, che avevamo giù applaudito in “Arsenico e vecchi merletti”, nella parte di Giusy e Marco Bruni nel ruolo del protagonista Giovanni; ci è piaciuta molto Francesca Ranfagni nella parte, resa poetica e lunare, della barbona Colette e bravo anche Massimo Bosi nel ruolo dell’amico Eros e Michele Barni in quello di don Marco. Completano il cast Benedetta Niccolai nella parte della fidanzata Lorella, Francesco Felisio in quella del papà di Giovanni, Massimo Quaglierini il barbone Manlio, Silvia Bertini è Mara e Andrea Iodice Serse Sottili.