Si l’Etna fuma…di Santina Gullotto

60613_10151748891674505_307196198_n

Quannu l’Etna fuma,

a terra triema, quannu si fa sira

u so cieru si luma, scinni a lava

de so scianchi…

Cu scuru miegghiu si viri…

I cimighi dall’aria i fa guarari…

Do cieru u spittacuru non n’avi uguari…

Quannu si vicina e paisi,

menti tutti a subbughiu…

Si priparunu i ruspi,

pi diviare a lava chi scinni pi iorna e iorna…

Ma quannu pari chi tuttu è pirduto,

illa si ferma e no ietta chiù lava…

I risparmia sempri i paisi etnei,

ci gira attornu e ne tocca mai,

E l’Etna fuma e fa spittacuru…

A guardammu tutti a bucca aperta,

anchi si simmu bituati a illa,

ogni volta chi si rusbighia ni meravighia…

traduzione dell’autrice

Traduzione.

Se l’Etna fuma.

Quando  l’Etna fuma, la terra trema,

quando si fa sera il cielo si illumina,

scende la lava sui fianchi,

meglio col buio si vede..

 …

Le scintille nell’aria fa volare…

Nel cielo lo spettacolo non ha uguale…

Quando si avvicina ai paesi

mette tutti in subbuglio..

Si preparano gli escavatori

per fare delle grandi fosse,

per deviare la lava..

Li risparmia sempre i paesi etnei,

ci gira intorno e non li tocca,

E l’Etna fuma e fa spettacolo…

La guardiamo tutti a bocca aperta,

anche se siamo abituati a lei,

ogni volta che si sveglia ci meraviglia…