“Cercasi uomo…libero possibilmente”, di Nuccia Isgrò, recensione di Daniela Domenici

 cercasi uomo...

Il sottotitolo di questo delizioso libro dell’autrice siciliana Nuccia Isgrò è già tutto un programma: “avventura di una divorziata cinquantenne alla riscossa”.

E’ una serie ininterrotta di avventure donchisciottesche (permettetemi di definirle così) che la protagonista, Cettina Crocifissa in Scarpata (e già dal nome scelto abbiamo un’idea dell’ironia dirompente “fresca, ironica, mai volgare” come viene definita dall’autore della prefazione, Pippo Midili, della Isgrò) vive dopo il divorzio, una serie di imbarazzanti e scoraggianti tentativi di migliorare il proprio look per tornare a essere “appetibile” oltre che libera, incoraggiata ogni volta da un’amica diversa.

Ma la dolce, goffa, inesperta Cettina (poi Ketty e infine solo Ket) non conosce le regole di questa nuova vita che vorrebbe intraprendere e sbaglia sempre tutto, dalla scelta della dieta a quella della palestra, dalla vacanza finita prima di cominciare all’acquisto della lingeria, dall’entrare nel mondo virtuale di Facebook fino all’incontro “al buio” durante il quale, come in tutte le fiabe che si rispettino, avviene il “lieto fine”: Cettina riscopre il “piacere delle vecchie abitudini consolidate con la persona amata” (sempre dalla prefazione) e si concludono così felicemente e definitivamente le sue avventure da cinquantenne divorziata.

Assolutamente delizioso nella sua ironia, come avrete capito, questo ebook di Nuccia Isgrò, pubblicato nella collana “piccola biblioteca del sorriso” della Festina Lente; ed è un ininterrotto sorriso per cui lo consiglio vivamente a tutte le donne, e non solo: brava Nuccia.