“Integrazione a scuola ancora molto lontana” di Ilaria Elmo

integrazione

Quest’anno a scuola è stato organizzato uno spettacolo dagli insegnanti di sostegno e dagli educatori apposta per farvi partecipare i ragazzi con le problematiche più varie. A questo spettacolo hanno partecipato solamente questi ragazzi con i rispettivi insegnanti. Io ho solo assistito e sinceramente non mi aspettavo che avrebbero partecipato solo loro. Io credo che non sia per niente d’aiuto separare noi dai nostri compagni o dal mondo circostante perché poi questo porta solamente dei pensieri negativi nelle altre persone: per esempio un mio compagno alla fine dello spettacolo mi ha chiesto involontariamente perché non avessi partecipato anche io. Questa ovviamente non è un’offesa nei miei confronti perché so di essere disabile e lo accetto pienamente, però so anche che l’integrazione non è molto semplice da affrontare per noi perché solitamente veniamo esclusi in partenza. Questi spettacoli secondo me, non fanno altro che alimentare il distacco che c’è tra noi e gli altri, che inconsciamente iniziano a credere che i due gruppi debbano essere differenziati e che non ci sia la possibilità di creare dei legami con i disabili, perché iniziano a vederci come persone diverse da loro