“Aspettandoti” di Adele Libero

attesa2

Anima mia, vola laggiù lontano,

là dove c’incontrammo tra i gabbiani,

sull’onda di un Tempo senza Tempo,

a vivere col cuore tra le mani.

Il Destino, nascosto in una stella,

ci disse ch’eravamo come un fiore,

i cui petali dovevano cadere

e lasciar il tesoro dell’amore.

Un lungo viaggio nel solco infinito,

un viver altri corpi in altri soli,

per ritrovar ancor lo stesso fiore

e di nuovo sentire quel tremore.

Ma adesso, chiusa come in una torre,

vorrei stringere al seno i ricordi,

e pur con fioca luce di candela

vorrei che s’accendesse la mia sera.