“Attraverso l’universo” di Michela Mastrangelo, recensione di Daniela Domenici

attraverso l'universo 

Ancora una volta un ebook mi ha “chiamato” e il suo messaggio mi è arrivato…”Attraverso l’universo” forte e chiaro; bella e originale la storia immaginata da Michela Mastrangelo, autrice della quale, as usual (come sanno coloro che mi seguono da tempo), non so niente né ho letto alcuna recensione prima di leggere la sua opera e recensirla.

I protagonisti principali di questa storia, che sarebbe riduttivo e banale definire una semplice storia d’amore e che si svolge a Parigi, sono Jude, londinese di origine italo-britanniche, e Draga, bosniaca. Intorno a loro ruotano Helen, la segretaria di Jude, Amanda e Kristin, le sue “cape”, Ivonne, amica di Draga, e Pierre, che solo alla fine rivelerà la sua vera natura e il suo ruolo in questa vicenda che si tinge anche un po’ di giallo oltre che essere intrisa di amore per l’arte e contestualizzata storicamente durante la guerra bosniaca degli anni ’90.

L’elemento che personalmente mi ha trovato “consonante” con Mastrangelo è la profonda gratitudine verso l’universo e la comune convinzione che mandare messaggi positivi, pensare all’oggi, al presente, all’hic et nunc in modo costruttivo come fa Draga nonostante la sua dolorosa situazione pregressa e l’attuale non facile ti faccia ricevere dall’universo quello di cui hai bisogno.