“Venti di guerra” di Adele Libero

venti di guerra

 

Rinasce in una notte senza stelle,

nelle vene del mondo la paura,

le grida di chi vede la Signora,

che gelida ghermisce la sua pelle.

Chi fu che mise in gioco tutto il Male,

abbandonando la via più sicura,

scegliendo delle strade la più scura,

così che il terrore cresce e sale?

Da quel Mediterraneo che è Oriente

arrivano folate di terrore

a catturar le carni delle genti.

Non torni più la Storia d’altro Tempo

s’innalzi il vessillo dell’amore,

e che di guerra più non spiri il vento.