“Rino” di Adele Libero

Rino

(poesia che si è aggiudicata il primo premio della XV edizione del concorso dedicato al poeta napoletano Salvatore Cerino, scomparso nel 1992)

N’coppo ‘o furnello niente appriparato,

vuota ‘a dispenza, vuote ‘e tirature,

‘a cchiù ‘e ‘nu mese Rino sta tappato,

nun vo’ verè, nun vo’ sentì rummure.

‘A quanno ‘a mugliera, ‘onna ‘Ntunetta

tutto a’ n’trasatto m’Paraviso è gghiuta,

Rino sta sulo, chiagne e nun se mette

‘o vestito d’ ‘a vita ch’è fujuta.

Ma stammatina ll’ha scetato ‘o sole,

ha tuzzuliato forte a chesti ‘llaste,

st’omme avveluto ha sentito ‘o core

ca se’ regneva, quase fosse Pasca.

Ha visto, fore ‘a loggia, ‘e furmechelle,

ca jeveno currenno p’ ‘o balcone,

ha visto mm’iezo ‘a strada juagliuncelle

ca rerevano sotto a’ ‘nu purtone. …

Ha capito ca ‘o munno gira sempe,

ca simme overamente rutelline,

s’è rignute ‘e pulmune, finalmente,

è asciut’ ‘o sole e è gghiuto ‘a Margellina !