Capri al tramonto, di Adele Libero

capri-tramonto

 

Dint’’a st’aria soffusa e cilestrina

se cocca Capri, l’isola bambina,

tutt’atturno s’è già ammantata ‘e mare

e dint’’all’uocchie sulo ‘nu culore.

Pe’ tutte ‘e strate correne ‘e criature,

rire Capri a sti passetti insicure,

vere ‘e mane ca tenene ati mmane,

e chiagne ‘e chiante ‘e chi parte dimane.

E’ n’isola ca parla a’ ‘e furastiere

e ll’offre sciure, zeppole e pastiere.

E allora quanno fernesce ‘a vacanza

a ggente ampresso sente ‘a luntananza.