A Napule, di Adele Libero

 

Pecchè si sto luntana ‘a chistu cielo

accussì azzurro ‘a luce già me manca,

me sento triste e senza sciato ancora,

comme si stesse int’ ‘a ‘na grotta scura.

 

Si nun ce stesse ‘a villa Floridiana,

‘e juagliune ca tornane da‘ scola,

e strisce ‘e luce p’ogni strada e via

stregnesse ‘e mane e me sentesse sola.

 

Chesta città dà vita ad ogni ora,

‘e notte veco l’onne d’o passato,

nun sulo stelle, ma vicende triste,

‘e gguerre, ‘e carestie, l’occupazioni.

 

Ma dinto ‘o core appare ‘na visione:

‘e panne appise, e sciure pe’ balcune,

e l’alleria cummoglia a sera nera

e pure ‘a Morte balla e scappa allera.

Annunci