Bonnì Teresa, di Salvatore di Giacomo, traduzione di Adele Libero

 

Bonnì Teresa, Te saluto e passo,

cchù nun te guardo, cchiù nun te canosco,

l’ammore nuosto se n’è ghiuto a spasso,

s’è sperzo cammenanno ‘int’ a nu bosco !

 

Si’ ammore pe nu bosco se ne va;

tiene ‘o curaggio? E tu vallo a truvà.

 

Bonnì! Bonnì ! Si me nzierre la porta

io me ne torno pe’ ddò so’ venuto,

dico a stu core mio: “Teresa è morta,

càntele requie, e falle lu tavuto”.

 

Si tu nzierre la porta e la fenesta

io me ne vaco: salute a chi resta.

 

Bonnì! Bonnì! Lu munno è na rutella,

avota sempe e nun se ferma maje;

ma de la bella ce sta la cchiù bella,

femmene nfame ce ne stanno assaie.

 

Lu munno è una rotella, Teresì,

vota, nun c’è che fa ! …Bonnì! …Bonnì!

……………..

 

traduzione

Buondì, Teresa, ti saluto e passo,

più non ti guardo, più non ti conosco,

l’amore nostro se n’è andato a spasso,

s’è perso, camminando per un bosco !

 

Se l’amore per un bosco se ne va;

ha del coraggio? E tu vallo a trovar.

 

Buondì ! Buondì ! Se a me chiudi la porta

io me ne torno per dove son venuto,

e dico al cuore mio: “Teresa è morta,

canta a lei requie, e falle un tavuto”.

 

Se tu chiudi la porta e la finestra

io me ne vado: salute a chi resta.

 

Buondì! Buondì ! Il mondo è una rotella,

lui gira sempre e non si ferma mai:

ma della bella ci sta la più bella,

di donne infami ce ne stanno assai.

 

Il mondo è una rotella, Teresì,

gira, non c’è che fa ! …Buondì ! …Buondì!

Annunci