Areto ‘a muntagna, di Adele Libero

Dormono ‘e case, dorme ancora ‘a ggente,

scura è ‘a muntagna dinto ‘o cielo rosa.

Appena schiara juorno je me ne scenno

e vaco a Mergellina, ‘nnante ‘o mare.

 

C’haggia spià pecchè girammo sempe

e dinto ‘o nniente ‘e suonne se ne vanno,

forze isso ‘o ssape pecchè l’onna

va annanze e areto ‘a quanno ‘o munno è munno.

 

Ed ecco mo’ ‘e juaglione vanno ‘a scola,

passa ‘o carretto e venne ‘e caramelle,

ed io sto ccà, sto n’ata vota sola,

e fisso a luce chiara e ll’ati stelle.