‘O specchio, di Adele Libero

Io nun capisco proprio c’ha passato,
ajere ssera Peppe ‘un è venuto,
eppure all’otto era l’appuntamento
proprio llà sotto, sotto ‘o monumento.

E dire che mi ero apparicchiata:
‘o fondo tinta, l’uocchie assaje pittate,
‘na gonna ‘e seta bella comme ‘o sole,
a spilla d’o culore d’ ‘e viole.

E immece songo stata cchiù ‘ mez’ora,
comme na scema ca ce crere ancora
alla Befana o a Papà Natale
(nun songo na perzona assaje normale).

Ma stammatina ampresso nun ‘o chiammo,
me guardo dinto ‘o specchio e dico “E ghiammo,
nun tengo manco nu capillo niro,
è isso ca s’è perzo n’ato giro !”

 

Annunci