accadde…oggi: nel 1919 nasce Silva Kaputikyan. da me tradotto e rielaborato

http://www.agbusayatnovacompetition.org/silva_kaputikyan.php

Nata il 20 gennaio 1919 Silva Kaputikyan è stata una celebre poetessa, scrittrice, accademica e attivista armena, ampiamente riconosciuta come “the leading poetess of Armenia”.

Nata da genitori provenienti da Van in Turchia fu allevata a Erevan. Dopo aver completato gli studi alla facoltà di filologia all’università di Erevan li proseguì al Gorky Institute of World Literature.

I due temi principali che Kaputikyan ha tratto sono stati l’identità nazionale e la poesia lirica.

Fece il suo debutto letterario negli anni Trenta pubblicando la sua prima poesia nel 1933 e divenne membro della Writers Union of Armenia nel 1941.

Nel 1945 pubblicò la sua prima silloge poetica, la sua più importante pubblicazione. Includeva “Khosk im vordun” (A word to my son), che è riconosciuta come una delle sue poesie più celebri e che è diventata una lirica standard nel riconoscimento dell’identità nazionale. L’ultimo verso recita: “Look, my son, wherever you are, / Wherever you go under this moon, / Even if you forget your mother, / Do not forget your Mother tongue.”

Negli anni Sessanta e Settanta viaggià in tutte le comunità armene della diaspora nel Medioriente e nell’America settentrionale e in seguito pubblicò due libri di viaggio, nel 1964 e nel 1976, nei quali descrive le sue visite a queste comunità armene, composte, in larga parte, dai/lle sopravvissuti/e ai genocidi e dai/lle loro discendenti. Durante questi due decenni i suoi scritti si sono focalizzati sulla storia del popolo armeno e sul suo futuro mantenendo sempre uno sguardo positivo. Nel frattempo ha pubblicato anche varie poesie per bambini e anche due testi teatrali.

Oltre a essere l’autrice di più di sessanta libri in armeno e qualcuno in russo Kaputikyan fu anche un’attivista molto coinvolta e fu una delle leader movimento Karabakh.

È morta a Erevan nel 2006.

Annunci