Dalla parte dei bambini – la rivoluzione di Maria Montessori, di Daniela Palumbo, illustrazioni di Vanna Vinci, recensione di Daniela Domenici

Un’altra splendida figura di donna splendidamente narrata da una donna e magicamente illustrata da un’altra: è Maria Montessori in “Dalla parte dei bambini” la cui storia ci viene raccontata, con leggerezza poetica e ricchezza di dettagli da Daniela Palumbo con la perfetta “collaborazione” di Vanna Vinci che ha dato ulteriore colore, con le sue immagini, alla vicenda di questa primadonna dell’educazione pedagogica non compresa appieno in Italia e che per questo fu costretta a emigrare durante il ventennio fascista perché “ a ogni incontro pubblico, anche all’estero, in risposta ai venti di guerra che sentivo alzarsi inesorabilmente dalla platea fascista, andavo ripetendo quello che era diventato il mio manifesto IL MONDO è UNA NAZIONE UNICA E L’ARMA DELLA PACE è L’EDUCAZIONE…avvertivo fortemente l’esigenza di estraniarmi da un paese che non mi voleva più, in cui non mi riconoscevo più. Quello stesso paese che mio padre aveva contribuito a liberare…”

Una psichiatra che sceglie dedicare la vita alla sua straordinaria e innovativa idea di educazione che poi si propaga, a macchia d’olio, grazie alla nascita di varie Case dei Bambini in giro per il mondo, dopo la prima a Roma nata per l’intraprendenza di un benefattore, una madre che vive con coraggio la sua situazione di donna single in un’epoca in cui esserlo era inimmaginabile ed esecrabile, un’educatrice che ha cambiato il modo di interagire con bambini e bambine.

Un libro che merita un’ampia platea di lettrici e lettori di ogni età: grazie a Daniela e a Vanna!

Annunci