senza titolo, di Adele Libero

Come gabbiani protestanti in cielo
urlando per la vita ed il destino,
quasi numeratori di un domani,
ridotti quali numeri e schedine.

E nei miliardi di esseri umani
che importa se stasera non ci siamo,
se pochi si terranno per la mano
a ricordarci per qualche mattino.

Diranno che scrivevo poesie?
Che una mimosa mi legava a Dio?
Che il testamento mio era d’amore?
Ma presto sarò scesa nell’oblio.