altri due esercizi di stretching, di Nino Ermes

 

Aggiungiamo altri due esercizi a quelli già descritti negli articoli precedenti e cerchiamo di eseguirli tutti di seguito con movimenti armonici. Proviamo a ripetere ogni posizione tre volte per venti secondi con dieci secondi di recupero.

 

Braccia distese dietro la schiena. Portare le mani in basso dietro la schiena e intrecciarle all’altezza dell’osso sacro facendo in modo che le braccia siano ben distese.

Portare ora indietro le spalle in modo da far avvicinare fra loro le braccia e allontanarle più possibile dal dorso. Mantenere la posizione per venti secondi e ripetere lo stesso movimento per tre volte.

Ginocchio al petto.   Sdraiarsi sulla schiena con le braccia lungo il corpo e le gambe leggermente divaricate. Allungare la gamba sinistra con il piede a martello e il tallone ben poggiato sul pavimento. Prendere il ginocchio della gamba destra con entrambe le mani e avvicinarlo al petto più possibile mantenendo la posizione per venti secondi, ripetere l’esercizio con la gamba sinistra.

Si può creare una variante portando entrambe le ginocchia al petto