ghiaccio vermiglio a fette, di Tiziana Mignosa

M’invade gli occhi

l’azzurrità del cielo

in questo giorno esagerato

che di libertà e desiderio vibra

-e ti penso-

mentre la zuccherina polpa

con le labbra

gentile si spartisce

levità e carne

Ghiaccio vermiglio a fette

si dona a languidi piaceri

e la calura stempera d’un fiato

occhi socchiusi

in quest’esplosione di luci e di passioni

nel cuore acceso dell’estate

E la frontiera scardino

che il visibile separa

dall’ invisibile

e ti ritrovo accanto

mentre nello slancio dello stupore

il respiro per un attimo

al dimenticatoio lascio

E come ape col suo miele

gioisco anche al tuo sapore

mentre ti lasci catturare

dal sensuale rivolo

che a lato delle labbra

si lascia dolcemente andare

tiziana mignosa  marzo duemilatredici