accadde…oggi: nel 2011 muore Mariella Lo Giudice

https://it.wikipedia.org/wiki/Mariella_Lo_Giudice

Il matrimonio, avvenimento assolutamente impossibile

https://nutrimente2.wordpress.com/tag/mariella-lo-giudice/

Mariella Lo Giudice, all’anagrafe Maria Enza Lo Giudice (Catania, 6 febbraio 1953San Giovanni La Punta, 31 luglio 2011), è stata un’attrice italiana.

Nipote di artisti circensi, comincia sin da bambina a dedicarsi alle arti del canto, della danza e della recitazione.

Grazie a Fioretta Mari, amica della madre, che scopre il suo talento, entra a far parte del neonato Teatro Stabile di Catania, dove comincia la sua lunga carriera recitando e imparando sulla scena con maestri come Turi Ferro, Ave Ninchi, Umberto Spadaro, Ida Carrara[1].

Negli anni successivi ricopre parti sempre più importanti, fino a diventare la prima attrice del Teatro Stabile.

Mariella ha da sempre amato visceralmente la sua città – e di conseguenza era ed è tuttora molto amata dai catanesi – tanto che, nonostante la malattia, non ha mai voluto interrompere la sua attività teatrale e avrebbe dovuto recitare la sera del 3 agosto nel suo ultimo spettacolo: Pathos – la tragedia delle troiane, con Lindsay Kemp, per la regia di Micha van Hoecke.

Nel 2006 ha doppiato Judi Dench in Diario di uno scandalo che le ha fruttato vari riconoscimenti.

Nel 2010 ha recitato un testo originale scritto da Nino Romeo con Graziana Maniscalco, La casa della nonna[2].

Per volere del sindaco di Catania Stancanelli, d’intesa coi familiari, verrà intitolato il Chiostro/Corte di Palazzo Platamone a suo nome.[3]

Mariella Lo Giudice è morta il 31 luglio 2011 a Catania all’età di 58 anni dopo aver combattuto per sei anni contro un male incurabile[4]; il 12 settembre successivo le è stata intitolata la Corte del Palazzo Platamone di Catania.

Nell’agosto del 2012, il Comune di San Giovanni La Punta, luogo di residenza di Mariella Lo Giudice, grazie ad una proposta del Direttore Artistico Michele Russo, ha istituito la rassegna teatrale “Memorial Mariella Lo Giudice”.

 

Cinema

Televisione

Doppiaggio

Teatrografia parziale