accadde…oggi: nel 1902 nasce Regina Jonas, la prima rabbina

http://www.voceevangelica.ch/voceevangelica/home/2019/10/Regina-Jonas-rabbina.html

“Può una donna ricoprire la carica di rabbino?”, aveva scritto, in un testo polemico, redatto nel 1930, nel quale sosteneva che le norme religiose ebraiche non proibiscono alle donne di ricoprire la carica di rabbino.
Cinque anni più tardi, nel 1935, la berlinese Regina Jonas ricevette a Offenbach – prima donna al mondo – l’ordinazione formale al rabbinato. Nove anni dopo, il 12 ottobre 1944, fu assassinata nel lager di Auschwitz all’età di 42 anni.

Da insegnante a rabbina
Nata a Berlino, Regina Jonas aveva frequentato la Hochschule für die Wissenschaft des Judentums, un seminario liberale che ammetteva anche le donne. Al termine degli studi, la scuola – che non volle ordinarla al rabbinato – le rilasciò un attestato di “insegnante di religione con qualifica accademica”. Fu un rabbino liberale, Max Dienemann, a rilasciarle, nel 1935, il diploma di rabbino. Regina Jonas lavorò dapprima come insegnante, poi assunse funzioni rabbiniche presso case per anziani e ospedali.

Le norme religiose ebraiche non proibiscono alle donne di ricoprire la carica di rabbino

A partire dal 1938, a causa dell’inasprirsi della politica razziale nazista, dovette sempre più spesso sostituire i rabbini della comunità emigrati, arrestati o deportati. Il 6 novembre 1942 venne deportata con la madre a Terezín. Il 12 ottobre 1944 fu portata ad Auschwitz dove, presumibilmente lo stesso giorno del suo arrivo, fu uccisa.
Dovettero passare quasi quattro decenni prima che venisse ordinata un’altra rabbina. Nell 1972, a Cincinnati, Sally Priesand ottenne a sua volta il diploma di rabbina. Alcuni, erroneamente, ignorando la vicenda di Regina Jonas, ritennero che fosse lei la prima rabbina al mondo.