Concerto di Natale in streaming dalla Scala di Milano, recensione di Daniela Domenici

foto del mio LP con il concerto K 622 che ho ascoltato infinite volte

Più di 1.300 persone hanno ascoltato e visto, insieme a me, lo splendido concerto trasmesso in streaming sul canale YouTube della Scala di Milano oggi alle 11.

Erano in programma “Pierino e il lupo” di Sergej Prokofiev e il concerto per clarinetto e orchestra K 622 di Wolfgang Amadeus Mozart.

Ha diretto l’orchestra della Scala la coreana Eun Sun Kimc, hanno deliziosamente interpretato il testo della fiaba Giacomo Poretti e Giovanni Storti, l’illustratore in diretta è stato Angelo Lodi e il clarinetto solista Fabrizio Meloni.

“Pierino e il lupo” è una favola sinfonica composta nel 1936 dal celebre compositore russo per l’infanzia, su testo dello stesso Prokofiev: per l’esecuzione è richiesta la voce di uno o più narratori e l’accompagnamento dell’orchestra. La storia richiama i racconti tradizionali russi dove gli animali agiscono in modo simile agli esseri umani e la si può anche considerare come un Cappuccetto Rosso rivisitato, con un finale senza crudeltà, dove tutto si conclude bene. I ritratti musicali sono divertenti e acuti, si basano ognuno su un leitmotiv, brevi melodie che sottolineano i movimenti di ogni personaggio; ognuno ha come riferimento uno strumento musicale di volta in volta diverso, i trilli e gli svolazzamenti dell’uccellino sono espressi dal flauto; l’andamento lento e goffo dell’anatra dall’oboe; il carattere indolente del gatto dal timbro vellutato del clarinetto; la voce profonda del nonno dal registro del fagotto; l’ululato spaventoso del lupo dai tre corni; l’incedere saltellante di Pierino da tutta la famiglia degli archi; l’arrivo dei cacciatori dai legni e gli spari dei loro fucili dai timpani e dalla grancassa (Wikipedia). Nel concerto di oggi i narratori erano due e hanno perfettamente interagito con l’orchestra ben diretta da Eun Sun Kim e con i deliziosi disegni di Angelo Lodi.

Il concerto per clarinetto di bassetto e orchestra in la maggiore KV 622 è l’ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart per strumento solista ed è stata composta due mesi prima di morire nel 1791. E’ suddiviso in tre movimenti: allegro, adagio e rondò allegro. Bravo il solista Fabrizio Meloni.

Il Teatro della Scala ci ha dato appuntamento al 1 gennaio con un altro concerto in cui potremo ascoltare “Il carnevale degli animali” di Camille Saint-Saëns e Eine Kleine Nachtmusik di Wolfgang Amadeus Mozart.