luna d’amore, di Adele Libero

(primo verso, tra virgolette, di Giacomo Leopardi, tratto dal Canto notturno di un pastore errante)

“Sorgi in sul primo albore” o luna,
ed ogni notte intensa luce emani,
chissà se ancora pensi al tuo Sole
che luce d’oro intenso ti regala.

Un raggio argento tu poggi nel mare
e quando piena sei, gli dai colore.
Gli uomini allora pensano all’amore
e chi è lontano spera di tornare.

E anch’io risplendo quando ci sei, luna,
è l’amor tuo che a me dona riflesso
lucente seta su mia pelle bruna.

Fammi felice, fai bastar l’Adesso,
non mostrar più le genti martoriate,
cancella Morte e Male al tuo ingress