Ischia, di Adele Libero

Ma tiene overamente chistu mare
celeste comme chillo ‘e Marechiare?
T’he rubbato ‘e stelle ‘e tutto ‘o cielo
e l’uocchie cchiù brillante ‘e na juagliona?

E mentre ‘i saglie ‘o monte è nu mistero
ma ll’aria llà addeventa frizzantina
e quanno parlo ‘o sciato se fa breve
e aspetto sulo na sursata ‘e vino.

Marì, si po’ ‘e rughe stanno male
a Ischia se po’ sempe fa’ ‘na cura
pecchè ll’acque o ‘e fanghe so’ termale
e ampresso se sta meglio, è già sicuro.

Pe’ cchesto h’è venì subbeto a Ischia,
quanno viaggie p’’o’ Sud, si no tu rischie
‘e passà sulo a Surriento oppure a Capri
e dint’‘o core , ‘o ssaje, tutto s’ammischia