è primavera, di Adele Libero

Sta per tornare la mia primavera,
ma nel suo cesto non ci sono rose,
ma mitra e colpi rossi di cannone
dannati di un guerra che non c’era.

I bimbi soffriranno la tenzone ,
perché lungo il cammino coi peluche
i boccioli cadranno ad uno ad uno
e sopra i prati i fiori non ci sono.

Riderà l’Uomo con le sue follie
ma invano aspetterà la fioritura.
Tal che per lui le porte dell’inferno
quest’anno gli offriranno l’apertura