egotism, di Loredana De Vita

https://writingistestifying.com/2022/09/20/egotism/

Quanta inutilità tutto intorno, quanti parolai privi di senso, quanti copioni già scritti e mandati a memoria, senza fantasia e di cui non si comprende il significato.
Avremmo tutti bisogni di onestà, dignità e pudore dentro e fuori le mura della nostra casa, ma si continua a ostentare una sicurezza che non si ha, si continua a promuovere sé stessi e le proprie maschere costituendosi in futili e falsi me-logo che accentuano il vuoto e la confusione di cui siamo preda.
Non c’è amore in questo comportamento, né responsabilità verso l’altro e tanto meno verso sé stessi, non si ha consapevolezza dei limiti né del lavoro da svolgere.
Non c’è coscienza che l’amor proprio e l’amore per sé non sono la stessa cosa, poiché dove l’amor proprio implica, nel riconoscere sé stessi e accogliersi e amarsi, il dovere di fare dono di sé all’altro che possa altrettanto riconoscersi, accogliersi, amarsi, l’amore per sé è fine a sé stesso e non varca mai il confine dell’individualismo.
L’amor proprio ha bisogno di dignità e onestà e lotta per valorizzarsi riconoscendosi in quello per cui lotta e che non riguarda solo sé stessi.
L’amore per sé, invece, è privo di relazione, anche con sé stessi, poiché è la prestesa di recevere e meritare amore senza che amore sia vissuto né che ci sia un dono di reciproco scambio.
L’amore è, non si compra, non si vende, non si disciplina a proprio comodo e favore.
L’amore è libero e non è un contratto firmato su fogli di carta, è più profondo, è segreto, non prescinde mai dalle persone, è diffusivo e moltiplicatore non verso di sé ma verso gli altri.
L’amor proprio è rispetto di ogni condizione umana di cui ci si sente responsabili, l’amore per sé, invece, non è che egoistico egocentrismo ed egotismo, esattamente quello di cui nessuno ha bisogno.
Eppure, stanchi e distratti, chiudiamo gli occhi e smarriamo il senso della nostra direzione.

Pubblicità