befana, di Adele Libero

Ascolta, c’è un rumore giù alla porta,
e scatta nella canna del camino,
su vieni qui, andiamo più vicino,
la calza è piena, allora che c’importa.

Quattro piedini freddi per le scale,
nevica fuori e il vento soffia forte,
non è timore quello che ci assale,
ci vuole un balzo e l’alba è alle porte.

Anche stavolta i doni ci ha lasciato,
pur se più grandi e siamo un po’ dubbiosi
e quella calza appesa ci ha turbato,
è la Befana di noi sospettosi

Pubblicità