Annunci

Archivio tag: auschwitz

accadde…oggi: nel 1906 nasce Alma Rosé, di Quirino Principe

http://heinrichvontrotta.blogspot.com/2008/07/sinfonia-per-uno-sterminio.html https://it.wikipedia.org/wiki/Orchestra_femminile_di_Auschwitz Storia della violinista Alma Rosé, nipote di Gustav Mahler, che ad Auschwitz formò un’ orchestra di sessanta strumentiste, poi uccise dai nazisti. La Stella di David è la sovrapposizione di due… Continua a leggere

Vota:

accadde…oggi: nel 1916 nasce Alba Valech Capozzi

Alba Valech Capozzi (Milano, 9 maggio 1916 – Genova, 8 febbraio 1999) è stata una scrittrice italiana, di origine ebraica, autrice nel 1946 di uno dei primissimi memoriali di deportati ebrei italiani dal… Continua a leggere

Vota:

Accadde…oggi: nel 1921 nasce Settimia Spizzichino

Settimia Spizzichino (Roma, 15 aprile 1921 – Roma, 3 luglio 2000) fu una deportata ebrea italiana, reduce della Shoah e unica donna sopravvissuta al rastrellamento del ghetto di Roma[1][2]; nel corso degli anni… Continua a leggere

Vota:

Accadde…oggi: nel 1914 nasce Giuliana Fiorentino Tedeschi

di Manuel Disegni e Daniel Reichel Si è spenta ieri a 96 anni, nella sua casa di Torino, Giuliana Fiorentino Tedeschi, una delle ultime testimoni fra i sopravvissuti alla Shoah. Nata a Milano… Continua a leggere

Vota:

“Ricordando Auschwitz” di Adele Libero

Macinare il passato, come un treno addormentato, come lacrime di carta, come filo spinato. … Quando il freddo era neve nello stomaco vuoto, nella luce di candele nello spasmo di fuggire. … Le… Continua a leggere

Vota:

Accadde…oggi: nel 1926 nasce Maria Rudolf

Maria Rudolf (Gorizia, 17 agosto 1926 – Opicina, 22 dicembre 2012[1]) è stata una partigiana italiana superstite del campo di concentramento di Auschwitz. Infanzia e gioventù Crebbe in un paese vicino al confine… Continua a leggere

Vota:

La foto sulla spiaggia di Roberto Riccardi, recensione di Daniela Domenici

E ancora una volta un libro di autore per me sconosciuto mi ha “chiamato” dagli scaffali della mia biblioteca preferita ed è stato un altro…”biblio colpo di fulmine” a prima…lettura che è continuato… Continua a leggere

Vota:

Ricordando Auschwitz , straordinario acrostico di Adele Libero

  All’arrivo si crollava sui binari, Ridotti come bambole stracciate, Bersagliati  da mille militari, Estraniati dall’anime strappate. … Il lavoro ci stremava le reni, Tremavamo, come cavalli stanchi, Muovendoci gelati tra quei treni.… Continua a leggere

Vota: